Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter

FRANCESCO DE FABIANI SFIORA IL PODIO AL MINI TOUR

La tre giorni di Lillehammer premia gli atleti più completi e Francesco De Fabiani, dopo qualche problema nella sprint e una 15 km a cronometro complicata ritrova la condizione nell’inseguimento in classico chiudendo a soli 3 secondi dal podio in classifica generale.

Era tra le gare più attese la tre giorni di Lillehammer, meglio nota come “Mini Tour”. Immersi nella natura scandinava, con paesaggio non proprio invernale, i migliori fondisti del mondo hanno regalato spettacolo in tre gare e due tecniche diverse. Dominio nella Overall da parte dei norvegesi, ma l’Italia si è difesa egregiamente con Pellegrino capace di vincere la sprint e De Fabiani sempre più crescita.

Migliore degli azzurri proprio Francesco De Fabiani (C.S. Esercito), capace di crescere con il trascorrere dei giorni, sino a sfiorare il podio della classifica generale, distante solo 3 secondi dalla sua dodicesima posizione finale.

Il segnale lanciato dal “Defa” è davvero positivo, soprattutto perché coincide con un buon inizio di stagione, certamente migliore rispetto a quello di un anno fa, forse grazie ad un approccio psicologico diverso.

Nella sprint in pattinaggio, vinta appunto da Federico Pellegrino, dopo una buona qualifica (27°), rovinava a terra a causa di un contatto con Chanavat e chiudeva ventottesimo. “Credo di aver sbagliato poco o nulla – dice il gressonaro – peccato perché le sensazioni erano buone”.

La 15 km a cronometro in tecnica libera di sabato ha consegnato all’alpino di Gressoney più incertezze che altro, relegandolo a 1’49’’ dal primo in classifica, Sjur Roethe, complicando assai la situazione per l’ultima prova, la 15 km in classico (il format preferito di Francesco) a inseguimento di domenica.

Nonostante la leggera débacle del sabato il giovane del C.S.E. non si era perso d’animo: “Non mi sentivo così male, gli sci erano velocissimi e la forma era comunque in crescita”.

L’ultimo step, la 15 km a inseguimento era il suo obiettivo: “ ci tenevo molto – dice De Fabiani – e oltre alla classifica generale puntavo a fare bene nella classifica di giornata, visto che si correva in classico. Sono davvero soddisfatto della mia forma che è in grande crescita”.

La gara si è svolta nella storica location di Lillehammer, teatro dei Giochi Olimpici del 1994, quelli che regalarono all’Italia la storica affermazione nella staffetta 4 X 10 Km con De Zolt, Albarello, Vanzetta e Fauner capaci di battere il quartetto norvegese.

Unico aspetto negativo, la volata: “Sono arrivato allo sprint forse un pochino più affaticato, complice lo sforzo sostenuto per recuperare, il binario era lento e i miei sci oggi erano leggermente meno veloci rispetto ai giorni precedenti, ma comunque sono, ripeto, molto contento del risultato. La TOP TEN è vicinissima e il podio a soli 3 secondi!”.

Prossimo step della Coppa del Mondo sarà la due giorni di Beitostolen, ancora in territorio scandinavo, sabato e domenica prossimi e Francesco De Fabiani pare al momento orientato a saltare la 30 Km in skating: “Si tratta di un format che non mi si addice, a breve deciderò il da farsi, mentre sarò certamente al via della staffetta di domenica, dove cercherò di ben figurare nella frazione che mi verrà assegnata”.

 

    

    

© All photos are property of Nordic Focus

e-max.it: your social media marketing partner
itenfifrdejanoptruessv
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI FALUN

    FRANCESCO DE FABIANI 18° NELLA 15 KM DI

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    DE FABIANI 14° NELLA 50 KM DI SEEFELD

    Read More
  • Nella splendida cornice di pubblico di Seefeld, già sede dei mondiali del 1985, il gressonaro del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur, Francesco De Fabiani ha faticato, complice una condizione meteo insolita e ha occupato l’ultima posizione della Top 20.  Giornata davvero difficile, per atleti e skimen, temperatura elevatissima, pubblico in visibilio: ecco gli ingredenti principali di questa fine di febbraio in Austria.  Nella gara dominata, forse a sorpresa dal redidivo norvegese Martin Johnsrud Sundby, De Fabiani non è mai stato in gara per le medaglie, forse anche a causa di una neve primaverile che ha regalato diverse sorprese.   Sundby ha preceduto il russo Bessmertnykh, 2° e il favoritissmo finlandese Niskanen. DeFast, attesissimo, ha fermato il cronometro in 40.20’3”, a 1.57” dal vincitore.  «Oggi è stata un gara molto difficile, fisica e per certi versi davvero insolita – dice De Fabiani al termine dello sforzo – sicuramente le correre alle 14:00 con queste temperature è molto impegnativo per noi atleti e per coloro che, ininterrottamente lavorano per noi preparandoci i materiali, ovvero gli skimen. Ci abbiamo provato, ma le gambe non erano forse al meglio. Preparare gli sci oggi non era affatto semplice, basta guardare le temperature».  Giornata da incorniciare invece per i supporters: «Beh, l’atmosfera era fantastica, voglio ringraziare il pubblico e i miei tifosi accorsi dalla Valle d’Aosta per starmi vicino. Non è andata benissimo, ma del resto non si può sempre andare bene. Ho trovato semplicemente una giornata difficile, voltiamo pagina e pensiamo ai prossimi impegni».  E i prossimi impegni, sono dietro l’angolo: «Ci sono ancora due gare per fare bene: venerdì nella staffetta dovremo lottare per il podio. Il tempo pare sia in procinto di cambiare, dovrebbe annuvolarsi. Speriamo che cambi la neve, noi ce la metteremo tutta».  Domenica infine, la 50 km: «Ci terrei a farla, ma prima vorrei capire che tipo di neve ci sarà, che condizioni troveremo. Ovviamente gli impegni si sommano e la fatica aumenta. Se la neve diventasse più dura, e quindi più adatta alle mie caratteristiche, la farò, altrimenti mi concentrerò sulla prossima gara di Coppa del Mondo, guarda caso proprio una 50 km, ma quella di Oslo, in programma la settimana successiva»

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15 KM MONDIALE

    20° POSTO PER FRANCESCO DE FABIANI NELLA 15

    Read More
  • DE FABIANI E PELLEGRINO DI BRONZO ALLA TEAM SPRINT IRIDATA DI SEEFELD

    DE FABIANI E PELLEGRINO DI BRONZO ALLA TEAM SPRINT IRIDATA DI SEEFELD

    DE FABIANI E PELLEGRINO DI BRONZO ALLA TEAM

    Read More
  • DE FABIANI 8° AL MONDO NELLA SPRINT

    DE FABIANI 8° AL MONDO NELLA SPRINT

    DE FABIANI 8° AL MONDO NELLA SPRINT Si

    Read More
  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5

Per rimanere sempre aggiornato        Iscriviti alla newsletter

De Fabiani Logo Fontina
De Fabiani Logo Fontina
image
image
image
suunto logo
Esercito Italiano
image
image
 
Per rimanere sempre aggiornato          Iscriviti alla newsletter